Cos’è la macchina per il pane e a cosa serve: guida completa

Nelle prossime righe daremo una risposta a queste domande e ad altri dubbi. Per esempio, quali sono le caratteristiche tecniche che devi ricercare in questo elettrodomestico? E i suoi vantaggi? Cosa puoi cucinare e in che modo funziona?

Buona lettura!

A cosa serve la macchina per fare il pane

La macchina per il pane, come il nome lascia intuire, serve principalmente per preparare dell’ottimo pane fatto in casa. Grazie al suo acquisto, infatti, potrai avere sempre a tua disposizione del pane fresco da accompagnare ai tuoi pasti, da servire ai pranzi o alle cene con amici e da utilizzare per le esigenze di tutta la famiglia.

Tuttavia, a seconda del modello acquistato, potrai avere una macchina per il pane in grado di preparare anche yogurt oppure marmellate. Tutto dipende dalle tue esigenze!

Perché acquistare una macchina per il pane?

Vediamo subito perché dovresti comprare una macchina per il pane. Questo elettrodomestico ha un vantaggio importantissimo: lavora autonomamente.

Ciò significa che potrai risparmiare tempo ed energie in cucina. Preparare il pane, infatti, presuppone una lavorazione dell’impasto che, qualora non si fosse esperti, potrebbe risultare inizialmente difficoltosa, un tempo di lievitazione più o meno lungo e la cottura in forno. Non è insomma una preparazione immediata, bensì richiede un po’ di manualità, attenzione e tempo.

La macchina per il pane è un alleato formidabile per velocizzare i tempi della preparazione del pane. Questo perché tu non dovrai occuparti di niente, se non inserire gli ingredienti all’interno del tuo elettrodomestico, selezionare il programma e premere il tasto di avvio. Questa macchina si occuperà poi in totale autonomia delle diverse fasi di lavorazione, senza bisogno di supervisione da parte tua se non in casi particolari (come, per esempio, l’aggiunta finale di ingredienti come uvetta o cioccolato).

Potrai dunque occuparti di altre faccende o semplicemente rilassarti mentre il tuo elettrodomestico prepara per te dell’ottimo pane fresco. Inoltre, grazie alla possibilità di programmare l’avvio, potrai impostare la macchina di modo da trovare il pane ancora caldo direttamente al rientro dal lavoro.

Per chi è pensata la macchina per il pane?

La macchina per il pane è un elettrodomestico pensato per tutte le tipologie di clientela. Esistono modelli per tutte le tasche e per tutte le esigenze, adeguati per le persone senza alcuna esperienza in cucina e per chi invece è un appassionato dell’arte culinaria.

Questo elettrodomestico è pensato essenzialmente con un unico scopo: farti risparmiare tempo e preparare del pane di ottima qualità.

Come funziona una macchina per il pane

Il funzionamento di una macchina per il pane prevede il susseguirsi di una serie di fasi diverse:

  • il preriscaldamento
  • la lavorazione dell’impasto
  • la lievitazione
  • la cottura

Il preriscaldamento è un momento fondamentale della preparazione del pane perché questo passaggio è necessario per portare gli alimenti liquidi alla temperatura necessaria ad attivare il lievito.

La lavorazione dell’impasto avviene grazie a delle pale dotate di lame estraibili. La cottura, invece, è possibile grazie alla presenza di una resistenza elettrica.

Tutti questi passaggi avvengono all’interno del cestello, componente fondamentale di ogni macchina per il pane.

La cottura

La cottura del pane è il pezzo forte di questo elettrodomestico che riesce così a ottimizzare e a unire in un unico strumento tutta la filiera di preparazione.

Sebbene la cottura sia piuttosto simile tra i diversi modelli, ci sono alcune differenze relative al formato di pane. Infatti, le forme di pane che si possono ottenere sono le seguenti:

  • pane in cassetta
  • panini
  • baguette

Per avere del pane in cassetta è sufficiente acquistare una macchina per il pane semplice e dotata del solo cestello per effettuare i vari passaggi. Se, al contrario, volessi ottenere dei panini o delle baguette assicurati di optare per dei modelli provvisti di stampi da inserire nella parte inferiore della struttura stessa.

In questo caso l’impasto lievitato verrà trasferito sempre automaticamente dal cestello allo stampo scelto.

Gli accessori

Tra gli accessori principali che dovrebbe avere una macchina per il pane ci sono sicuramente le pale impastanti. Queste possono essere una o due ed essere basse oppure alte. L’acquisto dipende dalle tue esigenze e, nello specifico, dalle farine che intendi utilizzare:

  • per le farine integrali o senza glutine due pale alte sono la soluzione migliore per riuscire a lavorare meglio il composto
  • per la preparazione del pane comune, invece, una pala bassa sarà più che sufficiente

A seconda dei tuoi gusti e delle tue necessità, quindi, assicurati di acquistare un modello dotato di pale aggiuntive da poter aggiungere o togliere per ogni evenienza. Inoltre, avrai anche dei dosatori, un gancio per tirare fuori l’impasto oppure il pane e un immancabile ricettario.

Scegliendo una macchina per il pane in grado di preparare anche yogurt o marmellate ti verranno dati in dotazione anche dei pratici vasetti in vetro per la conservazione.

Come selezionare il programma

I programmi di lavorazione sono il fulcro del funzionamento di una macchina per il pane. Ogni modello, anche quello più economico e modesto, ti consente di scegliere fra tre programmi principali: pane bianco, pane dolce e pane rustico.

Le macchine per il pane possono però avere tanti programmi in aggiunta. Alcuni modelli possono arrivare anche a 20 diverse modalità di programmazione, generalmente divise per tipologia di farina utilizzata oppure per la forma di pane che vuoi ottenere.

Il trucco per ottenere un risultato davvero ottimale non è solo stare particolarmente attento alle dosi degli ingredienti inseriti, ma anche sperimentare con i diversi programmi così da sapere quali sono i migliori in base alle tue esigenze.

Ci sono infatti i programmi specifici per la farina integrale, quelli specifici per le preparazioni senza glutine, quello apposito per il pane kamut o ancora quello rapido così come un programma specifico per le preparazioni più dietetiche.

Il motore e il cestello

Il motore e il cestello sono le due componenti fondamentali di una macchina per il pane. Il motore perché garantisce l’intera preparazione e il cestello in quanto luogo in cui avviene la quasi totalità dei passaggi.

Andando più nello specifico, la potenza del motore deve essere appropriata al modello acquistato, tuttavia non lasciarti guidare solo dai numeri in questa scelta.  Una potenza decisamente buona si aggira intorno agli 800W e può salire sino ai 1700W. I valori superiori potrebbero recare un’insidia, ovvero quella di far vibrare eccessivamente la tua macchina per il pane sul piano di lavoro. Questo potrebbe a sua volta causare dei danni alla struttura stessa dell’elettrodomestico e soprattutto alle sue parti metalliche.

Per quanto riguarda invece il cestello, è fondamentale che tu scelga quello più adatto alle tue necessità. La giusta capienza è fondamentale per evitare di avere un elettrodomestico troppo grande quando magari si vive da soli o, al contrario, non in grado di soddisfare le esigenze del tuo nucleo familiare. Per darti un’idea, un cestello con capienza di 1.5kg è ideale per le esigenze di una famiglia numerosa.

In ultimo, i materiali di costruzione. Ti consigliamo di optare sempre per i modelli più resistenti, costruiti in metallo e con poca plastica. Lo stesso vale per gli accessori, i quali sarebbe meglio fossero in acciaio inox, mentre per il cestello l’essenziale è che sia antiaderente e così più semplice da pulire.

Funzionalità aggiuntive di una macchina per il pane

Quanto detto finora non è ancora tutto! Le macchine per il pane, infatti, sono dotate di altre funzionalità presenti tutte o in parte nei diversi modelli presenti sul mercato. Oltre alla potenza, alla capienza, agli accessori e ai programmi potrai contare su degli extra da tenere in conto prima di acquistare il modello migliore per te.

Innanzitutto, alcune macchine per il pane dispongono di due funzionalità utilissime, ma da usare con cautela: il mantenimento in caldo e la possibilità di selezionare il livello di doratura. L’unico loro svantaggio è che, se tenuti in funzione troppo a lungo, rischiano di far seccare eccessivamente il pane.

Un’altra caratteristica molto utile è quella della cosiddetta memoria tampone. Si tratta di quella funzione per cui la macchina per il pane continua a lavorare anche in caso di interruzione della corrente elettrica. A seconda del modello e dell’azienda produttrice la memoria tampone può essere più o meno lunga, ma in linea di massima rimane compresa tra un minimo di cinque minuti e un massimo di trenta.

Alcuni modelli prevedono anche la presenza di un dispenser tramite il quale inserire degli ingredienti aggiuntivi prima della cottura e, scegliendo una macchina per il pane piuttosto professionale, anche questo passaggio può avvenire in automatico.

Cosa aspetti a sfornare pane in cassetta, panini e baguette?

Nata in un piccolo paese della Sardegna e poi trapiantata a Roma, ho cercato di rendere la mia passione per la scrittura un lavoro. Mi divido tra redazione, festival, televisione, scrittura per il web e sono appassionata di beauty, benessere della persona e cura della casa. In una parola: comunicazione. Così cerco di impostare il mio lavoro e la mia quotidianità.

Back to top
menu
Macchine per Pane